martedì 6 novembre 2018

La nuova immagine di "Asino del Po"


Da bambino ho fatto un sogno: asini e cavalli correvano veloci in grandi recinti in legno, immersi nel verde della campagna ferrarese e tutto attorno a loro alberi di vari tipi, alle loro spalle piante di vite e d'ulivo.

Nel fare un puzzle io sono sempre partito dal bordo, così lo scorso anno ho piantato un uliveto con piante di diverse varietà ed è stata abbozzata anche una piccola tartufaia. Poi ho pensato che per rendere più colorato un quadro servissero elementi diversi, così nella mia azienda non manca proprio nulla: dagli animali da cortile, alle capre, alle vacche, agli asini romagnoli... e adesso anche i cavalli (mia grande passione da sempre!!!). Gli elementi fondamentali c'erano, ma non sapevo come contenerli tutti!

Allora mi sono ricordato di quell'immagine che avevo in testa da così tanti anni e in me si è acceso il desiderio di farla diventare realtà.
Così quest' estate ho messo un pò da parte fiere ed altre interessanti iniziative per dedicarmi al 100% nella costruzione della mia azienda. Non senza tanto sforzo e sacrificio ho provveduto alla costruzione di ampi recinti in modo da garantire agli animali tanto spazio e di migliorare il loro benessere portandoli ad uno stato semi-brado. Inoltre l'intera superficie aziendale è stata impiegata nella produzione di foraggi per soddisfare il fabbisogno di tutti gli animali.

Le foto che ora vedrete sono solo l'inizio della materializzazione di un sogno, è la nuova immagine dell' Allevamento Asino del Po: un posto dove gli animali sono in perfetta sintonia non solo con l'ambiente circostante ma anche con le persone.
Penso che sia fondamentale il ritorno alle origini, il tornare ad immergersi nella natura, il lasciarsi catturare e sorprendere da quanto di stupendo essa ha da offrire... e questo è il messaggio che vorrei trasmettere ai miei due bambini: in un'era super-tecnologica e che viaggia così veloce c'è talvolta il bisogno di prendersi un pò di tempo per sè e tornare ad apprezzare le cose semplici.
Affidiamo ormai la nostra vita a tablet e smartphone che sembrano conoscerci più di chi ci ha messo al mondo, ma io sono convinto che la sensibilità e l'intelligenza degli animali possano insegnare tantissimo sia agli adulti che ai più piccoli. Il sorriso dei miei bambini ne è la prova....
Roberto Nicoli



















lunedì 30 ottobre 2017

Per Asino del Po Fiera Cavalli non è più un miraggio

E' stato un 2017 da incorniciare per Allevamento Asino del Po che, dopo la bella vittoria di Giulio AT ad Imola, ha raggiunto un altro traguardo davvero importantissimo.
Camacho, l'altro giovane stallone dell'allevamento, è entrato di diritto nella rappresentativa italiana dei soggetti che quest'anno hanno varcato le porte di Fiera Cavalli a Verona a rappresentare la razza di asino romagnolo.
Camacho -che ha trascorso la stagione riproduttiva 2016/17 come stallone a Montebaducco (Reggio Emilia)- è stato affidato per questa stagione 2017/18 all'azienda "Il Colmetto" di Rodengo Saiano (Brescia) dove continuera' a svolgere il suo compito di purosangue.

E' stata un'esperienza stupenda e al contempo il realizzarsi di quel sogno coltivato giorno per giorno con passione, tenacia e tanto sacrificio. Tutti gli sforzi di questi anni sono stati ripagati quando, entrato nel ring del padiglione A.I.A., con la mano sinistra impegnata a reggere la lunghina di Camacho e la destra che stringeva forte la mano di mio figlio di soli tre anni, ho visto i suoi occhi illuminarsi di gioia e nel mio cuore si è accesa la speranza di poter un giorno condividere tutto il mio mondo con lui... sarebbe il regalo più grande! 
Roberto Nicoli















Fiera Cavalli 2017: Roberto Nicoli accompagnato dal piccolo Manuel presentano lo stallone Camacho sul ring dei migliori asini romagnoli




lunedì 19 giugno 2017

Imola 2017: Giulio AT spodesta Filippo dal trono

L'allevamento Asino del Po ha partecipato anche quest'anno alla Rassegna Nazionale della Razza Asino Romagnolo che si è tenuta nella giornata di ieri al Complesso Sante Zennaro di Imola... e anche quest'anno ha portato a casa un ottimo risultato, appendendo al madagliere una nuova coccarda vincente... oltre a tanta tanta soddisfazione!
Giulio AT, stallone dell'allevamento, ha vinto il 1° premio nella categoria "Stalloni adulti 6-10 anni" togliendo a Filippo (Az. Bonuso) il primato, compito per nulla facile visti i caratteri morfologici armoniosi del soggetto!
Giulio AT ha poi partecipato al Best In Show al termine della manifestazione dove a vincere su tutti è stato suo fratello minore Francesco.
La dedizione degli stallieri nella preparazione di Giulio alla competizione, la determinazione nel voler raggiungere sempre nuovi traguardi, l'attenzione alla selezione e una campagna acquisti azzeccata sono tutti gli elementi che uniti insieme hanno permesso tutto questo!!!
Alcuni scatti di ieri...






sabato 3 settembre 2016

E' Giulio A.T. il nuovo stallone di Asino del Po

Ebbene sì, dopo Zorro che ha lasciato un'impronta inequivocabile (soprattutto nel cuore), ora il futuro genetico dell'allevamento viene affidato ad un altro splendido esemplare di razza romagnola: Giulio A.T.
Lo stallone di cinque anni di età è entrato in allevamento lo scorso 16 agosto e proviene dall'Allevamento Tonetti di Mercato Saraceno (FC). Figlio di Billy, conserva una linea elegante, testa leggera e appiombi perfetti e rimane ben proporzionato fra la sua altezza (145 cm al garrese) e la sua mole decisamente importante. Dal carattere ombroso ma leale Giulio aspetta la primavera 2017 per iniziare la sua prima stagione di monta in allevamento e non vede l'ora.... come il suo padrone!

Giulio A.T.: il nuovo stallone dell'Allevamento Asino del Po


mercoledì 10 agosto 2016

E' ufficiale: Camacho va a fare il riproduttore di razza!

E' stato preso un accordo tra l'allevamento Asino del Po e Montebaducco (L'alleamento di asine più grande d'Europa) secondo il quale il giovane stallone appena approvato Camacho andrà a Quattro Castella (RE), per iniziare la sua attività di riproduttore a pieno titolo sul vasto nucleo di asine romagnole presenti.
Lo stallone -che viene ceduto sotto regolare contratto- inizierà proprio a breve la sua prima stagione di monta, che si potrebbe protrarre fino al 2020, per poi tornare ad Asino del Po per continuare a dare lustro a casa propria. Non si può davvero esprimere a parole la soddisfazione per un traguardo così bello ed importante raggiunto!!!

Manuel in sgroppa a Camacho.
Questa foto la dice davvero lunga sul carattere mansueto dell'animale!