La storia

“Asino del Po” è un allevamento asinino nato nel 1995 da un’imprenditoria giovanile. Oggi l’allevamento è composto da una quindicina di fattrici prevalentemente di razza romagnola e da uno stallone asinino. La passione per questi animali è volta a scongiurare il rischio di estinzione che questa specie corre da anni (basti pensare che si contano soltanto alcune centinaia di esemplari di razza romagnola in tutto il Paese!). 


Per consentire un miglior benessere animale, è attualmente in costruzione un sistema di contenimento che, attraverso apposite recinzioni, permetterà agli animali di muoversi liberamente in uno spazio molto ampio e di dare vita ad un allevamento allo stato semi-brado.

Con la chiusura, a fine 2011, del Centro di Incremento Ippico di Ferrara, la Regione Emilia Romagna ha indetto un'asta per collocare gli animali ai migliori allevatori offerenti. Asino del Po si è aggiudicato Zorro, splendido e maestoso asino di pura razza romagnola, che ha dato un'impronta genetica rilevante all'interno dell'allevamento.


Zorro è stato giudicato "Best in Show" alla Fiera del Santerno (Imola 2013)

Nel 2016 è stato approvato alla monta un magnifico asino romagnolo nato all'interno dell'allevamento. Camacho è figlio Zorro e a soli tre anni di età ha presenta dati biometrici di tutto rispetto: altezza garrese 139 cm; cironferenza toracica 155 cm e circonferenza stico 18 cm. Al momento è uno dei riproduttori dell'allevamento più grande d'Europa, l'Azienda Montebaducco di Quattro Castella (RE).


Camacho si è posizionato al 1°Posto nella categoria Stalloni Maschi 3-4-5 anni
alla Fiera del Santerno (Imola 2016)

Il futuro genetico dell'allevamento è ora affidato ad un altro stallone: Giulio A.T.,che inizierà la sua attività riproduttiva all'interno dell'allevamento nella primavera del 2017. 
E' figlio di Billy e proviene dall'allevamento Tonetti. Equilibrato ed elegante a livello morfologico, è anche dotato di un carattere leale e mansueto.


Giulio A.T.: nuovo stallone dell'Allevamento Asino del Po





Nessun commento:

Posta un commento